Fucecchio e i dintorni

Hotel Vedute a Fucecchio vanta una posizione invidiabile per scoprire le bellezze architettoniche e culturali della Toscana.

Fucecchio vanta una posizione invidiabile per partire alla scoperta delle maggiori città e attrazioni turistiche della Toscana.
Firenze, Pisa, Lucca o Pistoia si raggiungono infatti comodamente con pochi km dal nostro hotel.

Empoli e il Montalbano, la splendida terra di Leonardo da Vinci immersa in un paesaggio collinare con borghi turriti e ville storiche di grande interesse.
La Valdelsa, fertile vallata che produce vino e olio di gran qualità, patria di uomini illustri come il Boccaccio.
Il Valdarno Pisano, con i suoi colli verdissimi e le acque palustri che contrastano con gli sviluppi moderni delle zone pianeggianti.
Il contado di Lucca, la città delle antiche mura e della bella Ilaria, lungo il tracciato della Via Francigena.
Montecatini e la Valdinievole, con i suoi colli ricoperti di ulivi dove si annidano stazioni termali e borghi medievali intatti.

Il territorio di Fucechio
Quasi due terzi del territorio comunale sono inclusi nelle Cerbaie, basse colline con un tratto molto delicato dal bacino dell'antica campagna di Bientina a Fucecchio. Da Ponte a Cappiano attraverso Ramoni raggiungiamo il borgo di Torre, l'antico Ultrario (accanto al torrente), le prime informazioni su questo luogo e la sua chiesa S. Gegorio sono del XI secolo.
Dopo Torre sopra Ramoni c'è Massarella, l'antica Massarella Piscatoria (da Masarella-molte aziende agricole e pescivendosità). La sua chiesa parrocchiale del XVII secolo è chiamata S. Maria e con questo nome appare già in un diploma del 998 dall'imperatore Otto III. Dai dintorni di Massarella ci sono bellissime viste sul Padule.
Un altro villaggio lungo la Via Francigena è Galleno che si sviluppò ai pellegrini. Accanto alla chiesa parrocchiale del XVII secolo si trova un'antica strada tra boschi e campi, che corrisponde all'antica Via Francigena, prima che fosse devistata in tempi più recenti.

Il Ponte Mediceo
Di un ponte presso Cappiano se ne hanno notizie fin dal primo Medioevo quando la via Francigena superava qui il fiume Gusciana, emissario del Padule di Fucecchio. Si trattava di un ponte fortificato con annessi una pescaia ed un mulino, utilizzato agli inizi del ‘400 dalla Repubblica di Firenze come chiusa per regolare il deflusso delle acque del Padule.
Nel 1550 Cosimo I fece ricostruire il Ponte e gli annessi da una equipe prestigiosa di cui fecero parte anche David Fortini e Nicolò Pericoli detto il Tribolo. Ne risultò un monumento polifunzionale di grande complessità: oltre a ponte fortificato con due torri anche ''calle'' per il passaggio dei navicelli e il calare delle reti da pesca, pescaia per regolamentare il livello delle acque, macchina per lo sfruttamento della forza motrice ed infine centro amministrativo di una fattoria che andò costituendosi nel corso del 1500.
A causa degli ingenti danni subiti durante la guerra, il ponte è rimasto per molto tempo nascosto da impalcature utilizzate per assicurarne la stabilità.
In occasione del Giubileo, grazie ai finanziamenti ottenuti dal Comune, in soli 16 mesi di lavoro il Ponte è ritornato al suo antico splendore. La struttura è oggi adibita ad ostello e sede di importanti manifestazioni e iniziative culturali.

Palazzo del Podestà
Il palazzo del Podestà, o palazzo Pretorio, è un edificio a due piani confinante per due lati con piazza Vittorio Veneto.
La sua costruzione iniziò nel 1304, contestualmente ai lavori di apertura della piazza voluti dalle istituzioni politiche che necessitavano adesso di spazi pubblici più ampi e decorosi. Alla fine del Seicento l'area fu ulteriormente allargata mediante l'abbattimento dell'antico palazzo della Cancelleria che occupava parte del versante occidentale della piazza.
Il palazzo pretorio ha subito nel tempo ripetute e profonde modifiche strutturali e di destinazione. Oltre che residenza dei podestà, è stato sede del Vicariato regio e, nel XVIII secolo, ha ospitato al suo interno il Teatro della locale Accademia dei Fecondi. Ha subito poi la trasformazione in carcere mandamentale, in sede di Pretura e, infine, prima dell'ultima guerra, dell'Arma dei Carabinieri.

Vino e prodotti tipici
Fucecchio è nella provincia di Firenze e in particolare nel distretto territoriale del Circondario Empolese Valdelsa. Questa zona è un ricco contenitore di ricette provenienti dalle cucine toscane. I ristoranti, cantine e locande offrono prodotti locali certificati DOP e IGP. Il Comune di Fucecchio organizza numerosi eventi legati alla promozione di produzioni rurali enogastronomiche e piatti tradizionali, in quanto la protezione dei prodotti tipici è legata alla rivalutazione della terra da diversi punti di vista: agricoltura, commercio e turismo. Ci sono molti prodotti tradizionali che possono ancora essere trovati sui tavoli locali e apprezzati nei negozi e ristoranti tipici, insieme agli affascinanti artigianato.

Prodotti tipici locali
- Zuppa di pane di Fucecchio: zuppa tradizionale
- Fegatelli fucecchiesi: piatto antico di fegato di maiale con finocchio
- Olio extravergine d'oliva
- Schiacciata di Pasqua fucecchiese: torta inventata alla fine del XIX secolo
- Brutti Buoni ai pinoli: bufali dolci
- Zuccherini di Fucecchio: dal XIX secolo è stato il dolce Mardigras di Fucecchio
- Vino Salamartano
- Montellori Brut
- Vin Santo Bianco
- Caffè i Due Mori
- Erbe dal Padule

Ambiente e natura
Il patrimonio naturale e ambientale di Fucecchio
Non solo architettura e arte: Fucecchio si trova in un ambiente naturale spettacolare. Il luogo più importante è la Riserva Naturale della Palude di Fucecchio, che si estende per 1800 ettari tra le province di Firenze e Pistoia. Quasi 230 ettari sono protetti dalla Riserva Naturale per salvaguardare la fauna e la flora della zona. Il WWF (World Wildlife Fund) ha una filiale qui. La palude è uno dei luoghi migliori per il birdwatching.It è un waypoint importante per gli uccelli migratori e si trova al centro della costa e le montagne interne. Qui possiamo osservare più di 190 diverse specie di uccelli: dal cygnet bianco che recentemente è tornato in Toscana dopo 300 anni. La flora è particolarmente delicata e prospera nel clima speciale di Fucecchio, che è lieve e mai troppo freddo. La foresta Chiusi locale e le piccole paludi di Ramone sono interessanti anche dal punto di vista naturalistico, con molte piante rare. Il Padule e il contesto selvaggio di Fucecchio possono essere visitati con gli esperti dello stabilimento di ricerca locale del Marchland.

Prenota adesso il tuo soggiorno a Fucecchio sulle colline di Empoli.

A pochi chilometri da Lucca, Pisa, Firenze, Pistoia e Montecatini Terme.
Offerte speciali

Offerte speciali disponibili
Vedi le nostre offerte

TOP